Rivolgimento del feto in presentazione podalica


Tutte le pazienti con feto in presentazione podalica dopo la 36a settimana di gravidanza possono sottoporsi, previa valutazione ecografica e clinica, alla manovra di rivolgimento. Si tratta di una manovra mediante la quale un bambino in presentazione podalica può essere “capovolto” a testa in giù, in modo tale da poter nascere per le vie naturali: in pratica si cerca di sollevare il sederino dal bacino con una mano dell’operatore appoggiata sull’addome materno e poi si aiuta il feto a compiere quel "capitombolo" in avanti che avrebbe dovuto fare spontaneamente spingendo dietro la nuca. Ovviamente è una manovra innocua per il feto che viene comunque sorvegliato in tempo reale nel suo spostamento con l’ecografia e monitorizzando sempre la frequenza cardiaca. Il rivolgimento viene eseguito in una delle sale travaglio-parto e prevede il ricovero al mattino e la dimissione nel pomeriggio. Il tasso di successo di tale manovra nella nostra U.O. si attesta intorno al 50-60%, in linea con i dati della letteratura e degli altri centri dove viene eseguita.
 

Centri di riferimento